206 Visualizzazioni

Amazon: consegnati i primi prodotti con un drone

Il 7 Dicembre 2016 Amazon ha gestito con successo la sua prima spedizione con il servizio Amazon Prime Air. A rendere innovativo il servizio l’introduzione dei dispositivi UAV (“Unmanned aerial vehicle”), meglio noti come droni. Il colosso americano del commercio on-line garantisce sicurezza e tempi di spedizione rapidissimi: si parla, infatti, di non più di 30 minuti dal momento di ricezione dell’ordine.

Attualmente il servizio non è ancora disponibile a livello commerciale, bensì è in corso di sperimentazione. Il primo test riuscito ha coinvolto due clienti residenti in una zona rurale di Cambridge, in Inghilterra. Tempo di spedizione: 13 minuti. Da tenere in considerazione, tuttavia, la vicinanza con il centro di smistamento da cui è partito il drone. L’obiettivo, chiaramente, è di incrementare il numero di clienti sotto osservazione e la loro lontananza dalla base di partenza.

Il quadricottero (drone a quattro eliche) è stato in grado di gestire in maniera totalmente autonoma l’intera spedizione, dalla partenza all’atterraggio di ritorno. Ovviamente il veicolo aereo è stato equipaggiato di dispositivo GPS. L’intervento umano nel nuovo processo tecnologico è stato contemplato soltanto nell’atto del posizionamento degli articoli sopra il drone. Per il momento il peso trasportato non ha potuto eccedere i 2,5 kg. La quota di volo non è andata oltre i 130 m.

Perché si veda il servizio disponibile commercialmente servirà altro tempo. I nodi cruciali della questione restano la sicurezza e la regolamentazione delle autorità competenti. Il test citato è stato effettuato in campagna, in una zona quindi priva di ostacoli, in condizioni metereologiche ottimali. Basta poco ad immaginare le implicazioni di uno scenario meno ideale, come ad esempio, una grande città con una moltitudine di cose e persone. Le tecnologie impiegate dovranno garantire i livelli di affidabilità e sicurezza necessari. D’altro canto, Amazon continua in prima linea a supportare enti pubblici e privati, affinché si proceda a regolamentare opportunamente tutte le applicazioni di questo nuovo trend tecnologico. A rendere ancora più interessante il contesto, le sperimentazioni e l’interessamento di società in altri stati europei: Swiss Post in Svizzera, French Post in Francia, DHL in Germania, giusto per citarne alcune. Come dicono dall’azienda di Seattle, il cielo non sarà più un limite.

 

Rispondi