310 Visualizzazioni

ONDATA D’ARRESTI AL MARICOMMI DI TARANTO

 

Non si ferma l’onda d’arresti collegati alla Marina Militare tarantina dove sono giunte altre sette ordinanze di custodia cautelare emesse dalla Guardia di Finanza di Taranto. Il gip Pompeo Carriere su richiesta del pm Maurizio Carbone ha fatto notificare quattro provvedimenti direttamente in carcere e tre provvedimenti ai domiciliari. Il filone d’inchiesta riguarda le presunte tangenti elargite per favorire l’affidamento di gare ed appalti nel reparto Maricommi di Taranto. All’imprenditore Paolo Bisceglia, al dipendente del Ministero della Difesa Marcello Martire nonché agli imprenditori Giuseppe Musciacchio e Vincenzo Calabrese le notifiche sono state eseguite in carcere mentre  per il capitano di vascello Giovanni Di Guardo (ex direttore Maricommi di Taranto), per l’imprenditore Pio Mantovani e il commerciante Gaetano Abbate la notifica è stata eseguita ai domiciliari. Forniture di divise militari, servizi ed appalti sono stati condizionati per profitti personali, motivo del prolungamento delle carcerazioni già in essere nei mesi scorsi. Insomma, le acque sono state agitate dopo le indagini in corso che termineranno con una sentenza definitiva  che chiarirà meglio le posizioni individuali di tutte le parti.

 

Rispondi