314 Visualizzazioni

I gol di Totti a Sanremo

Seconda serata del festival e riflettori puntati su Francesco Totti. Nei panni – improbabili – del presentatore, il Capitano della Roma non delude e va a segno con la sua simpatia. Mentre la gara canora pare trascinarsi stancamente senza grandi exploit, è il numero 10 giallorosso a catturare l’attenzione annunciando alla sua maniera i big in gara.

Come è noto, i conduttori hanno a disposizione un grande pannello elettronico che funge da “gobbo” per seguire discretamente il copione. Ma la pronuncia gioca un brutto scherzo a Totti che, nell’enunciare gli autori di un brano, legge “Sciopè” anzichè Cheope, forse perché qualche vocina nella testa gli sussurra il nome di quel tale compositore che risponde al nome di Chopin. Quando Carlo Conti e Maria De Filippi gli chiedono quale sia la sua canzone preferita di Sanremo, lui risponde “Povia, il Piccione!” forse ricordando che quel brano – “Vorrei avere il becco”- parlava di volatili. Poi l’annuncio di una canzone: “Lei si è fatta apprezzare a The Voice… questo l’ha fatto Ilary!”. In realtà sua moglie non ha mai condotto il talent canoro. Tante gaffe, ma Totti non si scompone: lo show è tutto suo, con dei pezzi comici che surclassano quelli di Crozza.
Maria De Filippi inizia la diretta in platea, distribuendo al pubblico i portachiavi con le miniature di Carlo Conti. Rimedia persino un bacio sulle labbra, «stampato» – ci tiene a precisare lei – da Robbie Williams. Arrossisce, si imbarazza e poi ci scherza su, mostrando una buona dose di autoironia. Robbie presenta “Love My Life”, un brano ricco di significati positivi.

Giorgia

Giorgia incanta la platea con alcuni dei suoi più grandi successi.

Keanu Reeves non delude le fans: la sua apparizione con intervista di Maria De Filippi era attesa da quella moltitudine di donne sintonizzate proprio per lui. Racconta aspetti della sua vita privata e si cimenta come rocker suonando il basso.

Ma veniamo ai cantanti, gara asettica come detto. Tra le nuove proposte passano il turno Guasti e Lamacchia, mentre semaforo rosso per Marianne Mirage e Braschi.

Tra i big, passa Michele Zarrillo nonostante la sua canzone sia tra le più “deboli” del festival,  passano anche Masini, Sylvestre, D’Alessio, Bravi, Turci, Gabbani, Chiara. Sono a rischio eliminazione Raige & Giulia Luzi, Bianca Atzei, Nesli & Alice Paba, ma possono sperare nel ripescaggio.

 

 

 

Rispondi