316 Visualizzazioni

Sergio Cammariere in concerto a Taranto

Sergio Cammariere e la grande musica d’autore protagonisti al Teatro Orfeo di Taranto, giovedì 23 febbraio, per la 73a Stagione concertistica degli Amici della Musica «Arcangelo Speranza».

L’artista calabrese presenterà i suoi grandi successi contenuti nel recente album «Io», registrato tra la Casa del Jazz e l’Auditorium Parco della Musica di Roma e pubblicato lo scorso novembre a due anni di distanza dal precedente lavoro.

Il titolo fa già intuire l’idea progettuale di quest’album. Nelle dodici tracce c’è infatti tutto il mondo musicale del pianista e cantante di Crotone, capace di combinare in perfetto equilibrio la tradizione cantautorale italiana, i ritmi sudamericani e un’anima jazz che da sempre è l’impronta inconfondibile di ogni sua composizione.

Cammariere rilegge con rinnovato estro e con la consueta passione alcuni tra i brani più amati del suo repertorio: «Tempo perduto», «Via da questo mare», «Tutto quello che un uomo» (brano con cui il musicista si impose al grande pubblico al Festival di Sanremo 2003 conquistando il terzo posto assoluto, il Premio della Critica e il Premio per la Migliore composizione), «Dalla pace del mare lontano», «L’amore non si spiega» e «Cantautore piccolino». Ma regala anche nuove emozioni con gli inediti che completano la tracklist, frutto di una ricerca musicale in continua evoluzione. Si va dall’eleganza espressiva di «Chi sei» al calore e alla suggestione del piano solo in «Ti penserò», dai ritmi trascinanti di «La giusta cosa» a «Sila», altro brano di piano solo in cui la sensibilità dell’artista pervade ogni nota insieme all’amore per la sua terra.

Ad arricchire ulteriormente il disco provvedono due sorprendenti duetti, uno con Gino Paoli in «Cyranò», brano di straordinaria intensità in cui la poesia dei versi del cantautore genovese si unisce alla maestria compositiva di Cammariere, l’altro con Chiara Civello sui ritmi brasiliani di «Con te o senza te».

La voce e il mood di Sergio Cammariere ammaliano, rapiscono. Ed è sempre particolarmente affascinante farsi sedurre dalle storie di questo cantautore schivo, timido ma straordinariamente ispirato. Cammariere compone con un tocco unico, è musicista e interprete di rara intensità espressiva. Nell’anima ha l’eco delle note dei maestri del jazz, l’impronta dei grandi pianisti del passato e la profondità e il romanticismo dei più raffinati cantautori italiani. Tuttavia egli tiene sempre a ribadire che Paoli, Tenco ed Endrigo rimangono inarrivabili. L’artista calabrese ha una caratteristica non comune: l’umiltà. Ritiene che sia ancora lunga la strada da percorrere per eguagliare i suoi miti, celebrati qualche anno fa con l’autoironica canzone «Cantautore piccolino», nella quale si confrontava in rima a «Paoli Gino». Ma il pubblico è concorde nell’annoverare Sergio Cammariere tra i più raffinati esponenti della canzone italiana d’autore.

Il concerto avrà inizio alle ore 21, per info 099.730.39.72.

Rispondi