571 Visualizzazioni

“Strane circostanze”, primo album per il cantautore pugliese Antonio Bucci

Un ritratto scanzonato e gentile di un’amara disincatata quotidianità. Così si può riassumere “Strane circostanze”, il primo album del cantautore pugliese Antonio Bucci. Un disco “pop ma non tropp” come lo definisce l’autore, che arriva al suo primo disco dopo una vita al piano-bar, in giro tra locali e ricevimenti, con un repertorio ispirato ai grandi cantautori italiani, da Conte a Caputo, passando per Capossela.
Antonio Bucci, originario di Trani, compone sin da ragazzo, ma circa un anno fa, per una serie di “strane circostanze”, ha deciso di dare corpo alla sua vena creativa e scrivere i 9 brani che compongono l’album.
I testi delle canzoni, scritte e arrangiate da Bucci, sono ispirati alla vita di ogni giorno e, ancora una volta, da una serie di “strane circostanze” che hanno portato l’autore a focalizzare l’attenzione su tematiche sociali più o meno impegnate, ritratte con ironia e sarcasmo. “Ho scelto di rappresentare alcuni atteggiamenti buffi o personaggi grotteschi, simbolo dei tempi moderni, contrapposti all’assurdità della sorte di chi si lascia travolgere dalla cinica macchina dell’economia che governa il mondo”, spiega Bucci. Una scrittura ricercata e a volte complessa quella del cantautore pugliese, che però si poggia su musiche coinvolgenti, orecchiabili e di approccio immediato. Una serie di scelte stilistiche mirate anche nelle sonorità, ottenute mediante l’utilizzo di strumenti prevalentemente acustici, suonati da musicisti talmente abili da poter trasferire le proprie tendenze ed esperienze jazzistiche in un contesto pop.
“Strane circostanze” è un album fresco, che a tratti lascia spazio ad atmosfere suggestive e che comprende anche un brano strumentale, solo pianoforte, particolarmente poetico: una vera “carezza” per l’anima, che nelle esibizione dal vivo ha commosso il pubblico.
L’album “Strane Circostanze” di Antonio Bucci è in vendita su tutti gli store digitali e presto sarà distribuito anche nei negozi di dischi.

Rispondi