1.035 Visualizzazioni

Ecco lo stato dell’arte dell’amministrazione Decaro

DECARO: “STIAMO DANDO CORPO A PROGETTI DI CUI SI PARLA IN QUESTA CITTA DA 30 ANNI”

DOPO 900 GIORNI DI AMMINISTRAZIONE IL SINDACO PRESENTA LO STATO DI AVANZAMENTO DEL PROGRAMAM DI MANDATO

 

Foto LaPresse – Donato Fasano

“A distanza di 900 giorni dall’inizio del mandato di questa Amministrazione, vogliamo verificare lo stato di avanzamento di un programma che, nel 2014, disegnava percorsi e obiettivi ambiziosi per la città – esordisce Decaro in aula Dalfino -. In poco più di due anni e mezzo di mandato stiamo provando a dare risposte a questioni di cui la città dibatteva da 30 anni: lo stiamo facendo in maniera concreta, con progetti, attività, finanziamenti, opere e lavori. I cittadini stanno vedendo la città cambiare sotto i loro occhi, questo comporta anche dei disagi ma abbiamo deciso di investire sui risultati. Gli investimenti non riguardano solo i fondi individuati ma anche le energie e le competenze su cui stiamo investendo per lo sviluppo della città, inserita in un nuovo contesto metropolitano, primo tra tutti il traguardo sul bando delle periferie che ha consegnato a Bari circa 16 milioni di euro e ci ha permesso di istruire il modello di lavoro per sottoscrivere un patto con tutti i Municipi per migliorare la qualità di vita di tutti i baresi. Tra le opere più importanti avviate quest’anno c’è la bonifica definitiva delle Fibronit e tra quelle in fase di ultimazione terminate il lungomare di san Girolamo, nel mezzo abbiamo lavorato sulla Caserma Rossani, sulla Manifattura del Tabacchi, su via Amendola, sui progetti di riqualificazione della costa, sui grandi contenitori culturali in fase di ristrutturazione, sul Polo della giustizia. Nel 2014 abbiamo presentato un programma organizzato su 4 aree tematiche e 100 obiettivi di mandato che abbiamo condiviso costantemente con la cittadinanza. Lo abbiamo fatto non nel palazzo comunale ma raggiungendo i cittadini a casa loro, attraverso 40 incontri pubblici (tra giunte territoriali e incontri partecipativi) e oltre 2.000 ore dedicate all’ascolto dei singoli cittadini.

Tra le azioni di cui siamo più orgogliosi: non aver tagliato i servizi ai cittadini e contemporaneamente aver cercato di aumentare le spese per i servizi del welfare che abbiamo trasformato in un welfare di comunità aumentando i servizi alle famiglie. Tra cui inseriamo le misure per il lavoro e l’inclusione attiva con cantieri di cittadinanza, una misura sperimentale che ha rappresentato uno strumento importante per i cittadini che hanno svolto un tirocinio e in alcuni casi hanno trovato un lavoro. In questi anni non abbiamo risolto tutti i problemi della città, sul trasporto pubblico abbiamo ancora tanta strada da fare, ma rinnovare il 50% del parco mezzi intervenire sulle perdite degli incassi derivanti dai biglietti sono fatti e non più progetti. Sul fronte della legalità non abbiamo girato la testa dall’altra parte e nonostante le risicate competenze non ci siamo tirati indietro laddove i cittadini ci hanno chiesto di intervenire. Attraverso la collaborazione con le associazioni antiracket, con le forze dell’ordine e con tutte le associazioni cittadine abbiamo innanzitutto ricostruito un rapporto di collaborazione e di fiducia con i cittadini che ha permesso agli stessi cittadini di avere fiducia nel sistema Stato e di esporsi in prima persona nella denuncia dei fenomeni dell’illegalità. Questo comportamento ha permesso alle Forze dell’ordine di portare a termini indagini importanti che hanno colpito nel profondo la criminalità barese”.

 

Le 4 aree tematiche:

  1. Un’amministrazione più orientata alla semplificazione e alla trasparenza
  2. Rigenerare la città migliorando la qualità di vita nei quartieri
  3. Economie urbane e innovazione sociale
  4. Welfare di comunità

 

SERVIZI ONLINE PER CITTADINI E IMPRESE

I risultati da novembre 2015

  • 3000 utenze registrate
  • emessi 9.000 certificati e richieste visure
  • in media il 20% dei certificati rilasciati oggi è digitale
  • 26 servizi online già attivati

 

EFFICIENZA DELL’AZIONE AMMINISTRATIVA SU AZIENDE E PROCESSI

  • Riduzione della spesa corrente di 2 milioni di euro l’anno ○
  • Incremento del 50% della spesa annua per investimenti ○
  • Riduzione a 27 giorni del pagamento delle fatture ○
  • Circa 1 miliardo di euro di investimenti pubblici attratti sul territorio in due anni Efficienza amministrative e Innovazione PA

 

CONTENITORI E VUOTI URBANISTICI:

  • Caserma Rossani – inaugurato Urban center, parco urbano approda in consiglio comunale, Aggiudicati i lavori delle biblioteca regionale
  • Studio di fattibilità per Accademia delle belle arti.
  • Cominciati i lavori per la zona di via Garagasole.

 

VISIONE STRATEGICA SUL MARE

Il Comune di Bari, grazie al Protocollo di intesa con Confindustria Bari-Bat e Ance Bari-Bat, ha voluto promuovere delle proposte per interventi di riqualificazione della linea di Costa della Città di Bari, dalla frazione di Santo Spirito a Torre a Mare.

  • lungomare Santo spirito
  • tratto antistante Fiera del Levante
  • lungomare Imperatore Augusto
  • molo sant’Antonio
  • molo san Nicola
  • Pane e pomodoro e torre quetta
  • Torre a Mare

Il prossimo 31 marzo sarà scade la gara per il concorso di idee per i primi 3 punti da riqualificare con l’obiettivo di aggiudicare progettazione esecutiva e avviare l’appalto entro il 2017.

 

TRASPORTO PUBBLICO LOCALE

Tre temi principali

  • Rinnovo parco mezzi – abbiamo acquistato 54 nuovi autobus che contribuiranno a rinnovare il parco mezzi dell’autobus
  • Park&ride
  • Riorganizzazione pinao delle viabilità – modifica dei percorsi e delle linee

La rete di progetto prevede 25 linee (oltre alle corse dedicate ai servizi scolastici) di cui:

  • 13 portanti ad elevata frequenza (5 passaggi/ora)
  • 5 circolari di quartiere coordinate con le linee portanti e i servizi ferroviari metropolitani (2 passaggi/ora);
  • 7 navette Park&Ride (sostanziale conferma della rete attuale)

 

IL PIANO DELLA MOBILITÀ IN 6 MOSSE

  • 8 km di pista ciclabile già realizzati
  • Piano della sosta Ampliamento della zona ZSR Incremento posti nei Park and ride Polipark (1450 posti)
  • Mobilità condivisa elettrica – car sharing e bike sharing .
  • City Logistics delle merci
  • Gestione della domanda: spostamenti casa-scuola e casa-lavoro
  • Riordino del TPL e integrazione dei servizi

 

INDUSTRIA 4.0 E RILANCIO DELLA ZONA ASI

  • Rilancio infrastrutturale e ambientalizzazione dell’Area industriale attraverso le risorse del Patto per Bari che prevedono 15 milioni di euro di nuovi investimenti
  • Ridisegno dei rapporti tra ASI e Porto attraverso la Camionale che ha in dotazione finanziamenti del Governo per la progettazione e la realizzazione del primo tratto dall’autostrada a via de Blasio all’altezza della realizzanda strada Poligonale e della SP56 Tavolo di lavoro con il governo per creare una ZES (Zone Economiche Speciale) nell’area logistica produttiva Porto-ASI ●
  • Insediamento del “competence center” italiano come primo traguardo di una strategia di smart specialisation metropolitana nei settori della meccatronica, dell’aerospazio, dell’informatica e della creatività ●
  • Cooperazione orizzontale con le più importanti aziende multinazionali insediate nell’area (Bosch, Getrag) per costruire un programma di sviluppo sociale, culturale ed energetico.

 

D_BARI E LA RIATTIVAZIONE DEL COMMERCIO

  • Bando MAP: già assegnati circa 2 milioni di euro tra il 2015 e il 2016 e attuale dotazione di 1,2 milioni di euro per sostenere il consolidamento e/o lo start-up di nuove attività commerciali nelle aree semiperiferiche e periferiche con contributo massimo di € 80.000 di cui il 50% a fondo perduto e il resto da restituire a tasso di interesse agevolato (0,5%) in cinque anni con rate semestrali
  • Bando videosorveglianza attività commerciali: una iniziativa sperimentale per finanziare il 50% dell’investimento complessivo necessario ai commercianti che acquisteranno e installeranno delle telecamere.
  • Piano di riqualificazione dei mercati rionali coperti: messa in sicurezza, wifi, efficienza energetica e diversificazione commerciale (nuove categorie merceologiche oltre il food) dei mercati a scala di quartiere da realizzare nel Piano Mercati
  •  

CONTENITORI CULTURALI

  • Polo del Contemporaneo: partiti i lavori del Margherita e del Mercato del Pesce – 10 milioni di euro
  • Concept Store dello Spazio Murat: spazio aperto per la valorizzazione della capacità artigianale locale in ottica contemporanea e in gestione da più di un anno come spazio polifunzionale al servizio della città
  • Museo Civico e Casa Nicolò Piccinni: affidati ad associazioni che se ne prendono cura rendendo questi luoghi sempre più attrattivi
  • l’Officina degli esordi, Laboratorio urbano, attualmente in manutenzione straordinaria e che sarà a breve riassegnato per accogliere i giovani creativi del territorio

 

MARKETING E TURISMO URBANO

  • Bari Guest Card: favorirà l’accesso ai principali attrattori culturali dell’area metropolitana attraverso sistemi innovativi di prenotazione, garantendo agevolazioni e riduzioni in partnership con vettori di mobilità, esercenti ed operatori economici del territorio.
  • Art Bonus: in un anno raccolti 170.000 euro per il restauro definitivo e la valorizzazione di Colonna infame, Fortino Sant’Antonio Abate, Fontana della pigna, Casa natale di Nicolò Piccinni, collezioni del Museo civico, edicole votive di Bari vecchia.
  • Grandi eventi di respiro Internazionale e Nazionale: Tric – Rete dei teatri, Eventi sportivi (Color Run, Deejay Ten, ..), produzioni audiovisive, Festival Culturali, G7, Assemblea Nazionale ANCI
  • Eventi diffusi nei quartieri tutto l’anno (Natale, San Nicola, …)

Bari, prima destinazione turistica per arrivi e seconda per presenze della Puglia. Al 2015 conta 350.000 arrivi per 650.000 presenze turistiche annuali. Nel 2016 prima in Italia per trend di crescita e ha più 45% di incremento di visite web.

 

PORTA FUTURO E INNOVAZIONE SOCIALE

 

  • PORTA FUTURO 1: un Job Centre di 500 mq di nuova generazione avviato dal Comune di Bari presso la ex Manifattura dei Tabacchi che opera nell’accoglienza, orientamento e formazione dei cittadini in cerca di un lavoro, favorendo il matching domanda/offerta (000 utenti accreditati, 120 aziende, 300 seminari formativi, 110 assunzioni); ●
  • PORTA FUTURO 2: a breve l’avvio del cantiere per il primo Incubatore di impresa urbano su 2.500 mq dentro la Manifattura dei Tabacchi che supporterà le start-up, ospiterà 7 imprese incubate in forma residenziale, un FAB LAB e servizi ad alto valore aggiunto sul tema dell’innovazione tecnologica in collaborazione con le Università; ●
  • Young Market Lab: riqualificazione di una porzione del Mercato di Via Vaccarella di Carbonara con insediamento di 7 giovani start up impegnate in attività di riuso, riciclo, educazione, cultura, produzione artigianale;
  • Spazio 13: riuso di 1.000mq della ex Scuola Melo da Bari nel Quartiere Libertà da trasformare in centro di formazione e produzione culturale giovanile con fab lab e spazi di coworking

Rispondi