642 Visualizzazioni

Al Panetti-Pitagora il progetto “Bari città che educa”, in rete con altre scuole

“Bari città che educa”, sabato 1 aprile, ore 10.00

IISS “Panetti-Pitagora”

Aula Magna della sede “Pitagora”, via Cavour 249 – BARI

 

Sabato 1 aprile 2017, alle 10.00, presso l’Aula Magna della sede Pitagora, si terrà il primo incontro del progetto “Bari città che educa” rivolto ai genitori degli studenti delle scuole che hanno aderito alla rete: I.C. “BALILLA – IMBRIANI”, S.S.I G. “MICHELANGELO”, I.I.S.S. “GORJUX-TRIDENTE-VIVANTE”, I.I.S.S. “DE NITTIS-PASCALI”, I.C. “GIOVANNI PAOLO II – DE MARINIS”, I.C. “MASSARI-GALILEI”, L.E.S. “BIANCHI DOTTULA”.

“Bari città che educa” rientra nei trentasette progetti a carattere socio-culturale promossi  dal Comune di Bari – Assessorato alle Politiche educative. Per questo, l’assessora Paola Romano ha assicurato la propria presenza.

Il progetto nasce dalla partnership con le associazioni  “Forum delle Associazioni Familiari di Puglia” e  UCIIM – Unione Cattolica Italiana Insegnanti, Dirigenti, Educatori, Formatori.

L’idea fondante della proposta è quella di attivare le energie di quanti interagiscono nell’azione educativa affinché i ragazzi non siano lasciati soli, ma avvertano intorno a loro la presenza di adulti consapevoli e responsabili e di una comunità educante. Gli incontri sono rivolti principalmente ai genitori degli studenti delle scuole in rete, ma anche agli insegnanti che ogni giorno interagiscono con i ragazzi e vivono con loro una parte importante della giornata. Educare è un compito sempre più difficile, visto il relativismo culturale che permea la società. La famiglia e la scuola, che vivono entrambe questa difficoltà, avvertono l’esigenza di momenti di confronto e occasioni di approfondimento dei temi che riguardano la crescita dei giovani.

Il Progetto prevede quattro incontri che, in forma laboratoriale, affronteranno le seguenti tematiche:

  • “I ruoli dei genitori all’interno della famiglia”
  • “L’adulto ed il compito educativo”
  • “Come educare affettività e sessualità dei nostri figli”
  • “Educare in due, sempre: l’azione educativa delle famiglie separate o divorziate”

Il primo incontro, che verterà  proprio sui ruoli che i genitori ricoprono all’interno della famiglia, prevede l’autorevole presenza del dott. Marco Scicchitano, psicologo–psicoterapeuta e del dott. Giovanni Scifoni, noto attore.

Il progetto “Bari città che educa” è una ghiotta occasione per le famiglie che potranno così confrontarsi con esperti e, magari, migliorare il loro rapporto educativo con i figli.

Antonio Curci

 

Rispondi