232 Visualizzazioni

La musica “scorretta” di Manlio Maresca

Sabato 1° aprile le raffinate scorrettezze musicali di Manlio Maresca investiranno il Circolo ARCI Eliogabalo di Fasano. Ad aprire il live i Good Moaning.

L’esaltazione dell’errore è all’origine del nuovo album di Manlio MarescaHardcore chamber music —, in cui il chitarrista, leader del gruppo Manual for Errors, opera in uno spazio compositivo puro, in cui il margine di errore concesso diviene la base di una scoperta creativa quasi rivoluzionaria. Ispirazioni musicali estemporanee governano una ricerca accurata di una condizione “scorretta”, di uno “sbaglio sonoro”, all’interno di una definita struttura jazz. I suoni, atomi sparsi nel sistema musicale, creano dissonanze e distorsioni insistite, determinando lucide connessioni di significato. 
Hardcore chamber music ha in sé un substrato cromatico considerato “materiale di scarto”, in cui le dissonanze acquisiscono una ragione d’essere, e le “scorrettezze di musica da camera”, insieme alle macchie sonore e ai rumori di fondo, divengono parte integrante di un arrangiamento originale. Il titolo prende spunto dalla natura delle composizioni.
Nel dispiegarsi di ogni singolo brano, si ha la sensazione di seguire un’invisibile e delirante trama, che ci porta verso sonorità senza alcuna risoluzione. Come in un percorso apparentemente disarmonico, l’equilibrio della musica “sporca” di Manlio Maresca trova un proprio spazio d’azione nel gioco atonale e poliritmico generato dalla musica stessa.

» auand.com/au9063/ 

Manlio Maresca (1977) fonda nel 2001 i NEO e successivamente gli Squartet, con i quali si esibisce in tutta Europa. Nel 2006 collabora con Steve Piccolo e dal 2008 al 2015 con Joe Lally.
Nel 2010 con i NEO intraprende un tour negli Stati Uniti, durante il quale nell’Electrical Audio Studio di Chicago registra “Neoclassico” con il sound engineer Steve Albini (Shellac, Pixies, Nirvana, The Ex).
Nel 2012 fonda il trio Andymusic, che esordisce accompagnando il poeta, attore e scrittore Remo Remotti. Con Andymusic, nel 2016, si esibisce al Torino Jazz Festival Fringe, al Fano Jazz by the Sea e ad Urbino Jazz Festival. Nel 2013 entra a far parte dell’Orchestra Operaia di Massimo Nunzi, collaborando a fianco di ospiti del calibro di Gabriele Coen, Fabrizio Bosso, Javier Girotto, Niccolò Fabi, Paolo Fresu, Greg Hutchinson, e suonando sul palco del Primo Maggio. Nel 2016, sempre insieme all’Orchestra Operaia, registra il disco omonimo, uscito il 30 marzo per la collana “Jazz Italiano Live”, in collaborazione con la Casa del Jazz di Roma, edizioni l’Espresso. Sempre per la stessa raccolta registra l’album tributo ai Nirvana con il gruppo “Giovani Leoni” composto da Francesco Diodati, Fulvio Sigurtà, Beppe Scardino, Enrico Bracco, Gabriele Evangelista e Federico Scettri. Nel 2016 suona con il contrabbassista Ameen Saleem, leader del progetto “The Groove Lab”. 

Il suo nuovo disco, dal titolo Hardcore chamber music, è uscito il 7 ottobre 2016 per l’etichetta Auand Records.

Good Moaning nasce sottovoce, in una casa fredda e umida sul mare, nel gennaio 2016. Il primo EP Hello, parasites, interamente autoprodotto e pubblicato il 3 luglio 2016 e disponibile in copia fisica e su tutti i digital stores, raccoglie i primi lavori del trio, in cui melodie e chitarre acustiche fredde e ruvide cercano conforto e tepore su caldi tappeti di psichedelia, per poi esplodere in violente e liberatorie sferzate noise.

» tiny.cc/helloparasites-spotify

Ingresso con tessera ARCI 2017 + contributo per il concerto

Rispondi