65 Visualizzazioni

100 is the magic number: in pensione con “Quota 100” e turnover del 100%

Ci verrebbe da canticchiare il motivetto di una nota pubblicità, ma questa volta il numero magico non è 3 ma 100. Il prossimo anno, infatti, entrerà in vigore il tanto desiderato “Quota 100”. Chi avrà maturato 62 anni di età e 38 anni di contributi potrà andare in pensione. Il rischio paventato da molti è che la Pubblica Amministrazione potrebbe trovarsi nella condizione di dover affrontare un vero e proprio esodo dal lavoro. Stando a quanto riportato dall’Ansa, ad andare in quiescenza dovrebbero essere circa 180.000 persone, con la conseguente disastrosa possibilità che lo Stato venga messo in ginocchio da un punto di vista del suo funzionamento.

A rassicurare tutti ci ha pensato il ministro della Funzione Pubblica Giulia Bongiorno dichiarando che  non si perderà neanche un posto di lavoro perché ci sarà un ondata di nuove assunzioni grazie allo sblocco del turnover che sarà al 100%. Tale novità sarà inserita nel ddl Concretezza che sarà a breve all’esame delle Camere.

“Dire… taglio il personale pubblico è facile, fa prendere voti, ma già ad agosto io ho detto, stiamo attenti, con noi non si taglia” ha detto il ministro durante un’intervista a Sky Tg24. La Bongiorno ha sottolineato che il turnover sarà del 100% e non del 25% come accade oggi: ogni 4 che lasciano il lavoro, ne viene assunto uno. “Ora se 100 persone escono 100 persone entrano”, ha assicurato il ministro. Questa possibilità sarà garantita dal fatto non è stato messo un tetto al numero degli assunti, ma solo un tetto alla spesa. Poiché mediamente un nuovo assunto costa meno di uno che va in pensione con uno stipendio di fine carriera, potrebbe, secondo la Bongiorno, addirittura portare lo Stato ad assumere  un numero di persone superiore al numero di quelli che vanno in pensione.

Ad avere maggiori opportunità di lavoro nello Stato potrebbero essere dunque gli agenti delle forze dell’ordine, gli ingegneri, gli informatici, gli esperti nei bandi di gara europei, gli esperti in semplificazione e digitalizzazione.

Rispondi