348 Visualizzazioni

“La città nella neve” (Stilo Editrice) di Beka Kurkhuli

Giovedì 18 ottobre, alle ore 19.00, al Museo Civico di Bari (strada Sagges 13) si terrà la presentazione della raccolta di racconti La città nella neve (Stilo 2018) dell’autore georgiano Beka Kurkhuli; all’incontro con l’autore saranno presenti Nunu Geladze Fusco, traduttrice dell’opera in italiano e Michele De Feudis, giornalista della Gazzetta del Mezzogiorno.
Giovedì 18 ottobre alle ore 12.30, Beka Kurkhuli sarà presente anche a un incontro all’Università (Aula XIX, II piano, Palazzo Del Prete), ospite del ciclo di incontri Sguardi sull’Est. Letterature dell’altra Europa, organizzato in collaborazione con il Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università degli Studi di Bari. Dialogheranno con l’autore Sabino Di Chio (ricercatore In Sociologia dei processi culturali e comunicativi) ed Emmanuele Quarta (dottorando Università degli Studi di Bari).
 
L’OPERA
I cinque racconti della Città nella neve mostrano la realtà di una nazione ‘di periferia’ alla ricerca di un contatto ravvicinato con l’Europa. La guerra tra georgiani e abcasi (Assassino), il legame d’amore tra due ragazzi sullo sfondo della crisi energetica degli anni Novanta (La città nella neve), la quotidianità di un uomo non vedente in bilico tra nostalgia e rabbia (In sogno vidi), i ricordi di giovinezza in una Tbilisi multietnica dei tempi sovietici (Una sera): è un mosaico composto tanto da storie private quanto da vicende che hanno segnato la storia della Georgia. Chiude la raccolta Musakala, in cui l’autore ha ricostruito, romanzandolo, il punto di vista dei combattenti mujaheddin durante la guerra in Afghanistan.
 
L’AUTORE_
Beka Kurkhuli è nato a Tbilisi (Georgia) nel 1974, si è specializzato in scrittura drammaturgica e ha esordito come autore nel 1991. Dal 1999 al 2004 ha lavorato come reporter in zone di guerra in Georgia, Caucaso e Afghanistan e ha ricevuto in patria importanti riconoscimenti come il premio letterario SABA 2014.
 
IL PROGETTO_
Voices from European peripheries. Literature, lost and rediscovered identity è fra i 39 progetti che nel 2016 hanno vinto il bando promosso da Europa Creativa e che sono stati cofinanziati dal programma di Traduzioni Letterarie della Comunità Europea, a cui sono stati presentati 242 progetti da parte di 35 Paesi. La Stilo Editrice è una delle tre case editrici italiane la cui proposta progettuale è stata valutata positivamente e ammessa a finanziamento. Il progetto – inserito fra le iniziative dell’Anno europeo del patrimonio culturale 2018 – ha ricevuto anche il sostegno del Consiglio regionale della Puglia e riguarda la traduzione di sei opere narrative di autori residenti in aree geografiche ai confini del territorio europeo o con esso confinanti: Norvegia, Georgia, Turchia, Serbia, Bosnia ed Erzegovina, Cipro. 

Rispondi